9 comments on this post

    Maurg

    "Uh Oh" è infatti un album in cui il funky metropolitano, gli africanismi sono "solari" totalmente privi di quella "nevrosi newyorkese" che donava fascino alle composizioni di Byrne. Ma questa trovata serenità non è sinonimo di un abbassamento qualitativo. Byrne è sempre un autore sopraffino che tratta la musica nera con profondo rispetto/5(41).

    Reply

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *